Affidamenti sopra i 40.000 euro: rallenta il mercato dei contratti pubblici

Dopo quattro quadrimestri consecutivi, nell’ultima parte del 2018 rallenta il mercato dei contratti pubblici che, rispetto allo stesso periodo del 2017, continuano ad aumentare in numero (+4,8%) ma rallentano nell’importo complessivo (-21,4%).Lo ha evidenziato l’ultimo rapporto quadrimestrale pubblicato dall’Autorità Nazionale Anticorruzione (ANAC) con il quale ha fatto il punto della situazione per le procedure di affidamento perfezionate di importo superiore o uguale a € 40.000, relativamente al III quadrimestre del 2018 che, pur se negativo, fa chiudere l’annata del mercato con una crescita di oltre 7 miliardi in più (+5,3%) rispetto al 2017.Come sottolineato dalla stessa Anticorruzione, che negli ultimi tempi non ha lesinato critiche ai provvedimenti normativi che hanno interessato il Codice dei contratti pubblici, “Non è da escludere che sulla frenata del settore, registrata fra settembre e dicembre, possa aver contribuito la prospettata incertezza normativa“.Entrando nel dettaglio dei numeri forniti dall’ANAC è possibile rilevare che la diminuzione degli importi rispetto al III quadrimestre 2017 coinvolge sia il settore ordinario (-24,3%) che quello speciale (-12,3%). Nel settore ordinario, il calo più vistoso è stato registrato nelle forniture (importo complessivo -54%), dovuto soprattutto all’effetto di appalti di durata pluriennale banditi da soggetti aggregatori e/o centrali di committenza negli anni precedenti.Sempre nel settore ordinario, è possibile notare come reggono le gare di importo fino al milione di euro mentre diminuiscono in modo crescente aumentando gli importi:

  • tra 40.000 e 150.000 +4,7%;
  • tra 150.000 e 1.000.000 + 10%;
  • tra 1.000.000 e 5.000.000 – 5,8%;
  • tra 5.000.000 e 25.000.000 – 26,6%;
  • oltre i 25.000.000 -40,8%.

Per quanto riguarda la procedura di scelta del contraente nel settore ordinario, rispetto al III quadrimestre 2017 nell’ultimo scorcio di 2018 crescono le procedure aperte e quelle negoziate previa pubblicazione del bando, mentre diminuiscono tutte le atre:

  • Procedura aperta +2,6%;
  • Procedura ristretta -45,5%;
  • Sistema dinamico di acquisizione -90,6%;
  • Procedura negoziata previa pubblicazione del bando +7,9;
  • Procedura negoziata senza previa pubblicazione del bando -51,7%;
  • Affidamenti diretti -23,9%.

1 Comment to "Affidamenti sopra i 40.000 euro: rallenta il mercato dei contratti pubblici"

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Clicca sui seguenti link per visualizzare le nostre politiche di Privacy: Privacy Policy, Cookie Policy, Disclaimer

Chiudi