Codice Appalti, il Def delinea la riforma

La riforma del Codice Appalti trova posto nel Documento di economia e finanza 2018 anticipando le intenzioni di semplificazione del Governo. Il documento prevede inoltre una task force sugli investimenti pubblici e un piano per le infrastrutture basato sulle piccole opere diffuse.Ma alla Commissione Europea la manovra non piace perchè ritiene rischiosa la prospettiva di elevare il deficit al 2,4%.Nonostante le rassicurazioni del Governo italiano, a Bruxelles la manovra italiana continua a non piacere. Il Ministro dell’Economia, Giovanni Tria, ha inviato una lettera alla Commissione Europea, spiegando che il deficit passerà dal 2,4% del 2019 al 2,1% del 2020 e all’1.8% nel 2021. Questo perché, secondo le previsioni dell’Esecutivo, i maggiori investimenti previsti porteranno ad una crescita dell’1,5% nel 2019, dell’1,6% nel 2020 e dell’1,4% negli anni successivi”.
La Commissione Europea ha risposto, con un’altra lettera inviata sabato, che con il deficit al 2,4% il saldo strutturale peggiorerà di 0,8 punti, invece di migliorare come richiesto. Bruxelles ha ricordato che l’Italia si è impegnata “ad assicurare che il tasso di crescita nominale della spesa netta primaria non superi lo 0,1% nel 2019, che corrisponde ad un aggiustamento strutturale di 0,6% del Pil nel 2019” e ha chiesto quindi di attenersi agli accordi.
Il Governo italiano non sembra intenzionato a cambiare strada. Il vicepresidente del Consiglio, Luigi Di Maio, ha commentato con un “non arretriamo”.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo. Clicca sui seguenti link per visualizzare le nostre politiche di Privacy: Privacy Policy, Cookie Policy, Disclaimer

Chiudi